Il Sardinia Film Festival è un premio cinematografico internazionale che giunge quest’anno alla XIII edizione il cui scopo prImario è quello di promuovere e valorizzare la cinematografia internazionale indipendente.

È nato nel 2006 grazie al Cineclub Sassari, storica associazione culturale che dal 1951 si occupa di promozione cinematografica in Sardegna.

Dal 2012 il festival riceve le medaglie della Presidenza della Repubblica Italiana, Presidenza della Camera, Presidenza del Senato dei Ministri. Riceve inoltre il patrocinio dell’UNESCO Commissione Nazionale Italiana, Farnesina, MIBACT, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Autonoma della Sardegna, Università degli studi di Sassari.

Ogni anno, dal mese di dicembre, il Cineclub Sassari diffonde on-line il bando di partecipazione tramite una newsletter che viene inviata agli oltre 17 mila contatti presenti nella mailing list. Ogni anno il Festival riceve circa 1500 opere da tutto il mondo. L e opere vengono quindi visionate da una commissione artistica nominata dal Cineclub Sassari, in seguito la Direzione Artistica definisce la programmazione da proporre al pubblico durante il festival.

LE SEZIONI DI CONCORSO

Il premio è suddiviso nelle sezioni:

Fiction (nazionale ed internzionale)

Documentary (nazionale ed internzionale)

Animation (nazionale ed internzionale)

Experimental (nazionale ed internzionale)

Videoart (nazionale ed internzionale)

Scuola – sotto 18 anni –  (nazionale ed internzionale)

Scuola – sopra 18 anni – (nazionale ed internzionale)

Ritorno alla terra  (nazionale ed internzionale)

Vetrina Italia (nazionale)

Vetrina Sardegna (nazionale)

L’ACCESSIBILITÀ

Da sempre il Sardinia Film Festival è stato attento all’accessibilità delle persone disabili, sia nella scelta delle location che nella scelta dei vari supporti messi a disposizione del Pubblico. In occasione del festival vengono messi a disposizione alcuni servizi ed ausili audiovisivi per i cittadini diversamente abili: in ogni location è stata disponibile una postazione dotata di uno schermo specifico per ipovedenti LCD 22” con risoluzione 640x480 a bassissima emissione elettromagnetica, in cui a richiesta è stato possibile visionare tutte le opere pervenute al festival, le location delle proiezioni hanno tutte accesso facilitato e la presenza di W.C. attrezzati e riservati ai diversamente abili. Dall’edizione 2018 si è fatto un ulteriore passo in avanti.

Sempre in virtù di un’idea progettuale basata sulle interazioni e sulla rete, da quest’anno il Sardinia Film Festival ha stretto un partenariato con il progetto CINEMANCHIO, che permette l’accessibilità alla sala cinematografica anche a persone non udenti /ipoudenti, non vedenti e ipovedenti e persone nello spettro autistico. Sono previste due giornate di proiezione dove verrà utilizzato il protocollo CINEMANCHIO. Accanto a queste azioni mirate c’è l’impegno di rendere accessibili tutte le proiezioni e gli eventi collaterali, grazie alla collaborazione con associazioni specializzate del settore come la cagliaritana “Reaspeaking on air“, nata con lo scopo di contribuire alla piena integrazione delle persone svantaggiate dal punto di vista linguistico e sensoriale.

LE GIURIE

Le opere, pre-selezionate dalla commissione artistica del Cineclub Sassari, vengono valutate dalle giurie ufficiali che assegnano i premi per categoria. La Giuria Internazionale, composta da esponenti del mondo cinematografico internazionale, valuta le opere di Fiction Nazionale, Fiction Internazionale, Scuole Over 18, Documentario internazionale, Vetrina Sardegna e Documentario Internazionale; la Giuria degli Studenti dell’accademia di Belle Arti , composta da studenti scelti del corso di  Cinematografia e fotografia documentaria, valuta le opere delle sezioni Videoarte e Sperimentale, La Giuria Tecnica dell’animazione, composta da animator professionisti, decreta il vincitore della categoria animazione e quella del Documentario Italiano assegna il premio al miglior Doc italiano.

Accanto ad esse operano le “Giurie Speciali”, giurie non ufficiali che assegnano delle menzioni speciali alle opere ritenute migliori. Le Giurie Speciali del Sardinia Film Festival sono: La Giuria Circoli Ficc composta dal pubblico dei Circoli del Cinema del Centro Regionale Sardegna , la Giuria Ristretta, composta da alcuni detenuti nel carcere di Bancali, e la giuria Diari di Cineclub (periodico indipendente di cultura e informazione cinematografica) costituita dai componenti della Redazione presenti al Festival.

IL TEAM

Presidente Sardiniafilmfestival:
Angelo Tantaro

Direttore artistico:
Carlo Dessì

Event Management:
Marta Manconi

Commissione artistica:
Emma Bussu, Silvio Farina, Antonia Carta, Diego Bussu, Stefania Porqueddu

Presentazione delle serate: Rachele Falchi, Laura Cocco

Coordinamento organizzativo: Marta Manconi, Nando Scanu, Angelo Tantaro

Rapporti internazionali:
Carlo Dessì,  Angelo Tantaro

Segreteria organizzativa:
Agata Carta, Giulia Sanna, Isabella Dessì

Rapporti con gli sponsor:
Carlo Dessì, Marta Manconi

Ufficio stampa:
Salvatore Taras, Francesca Zanardo

Social Media Team:
Antonia Carta

Sito Internet:
Antonia Carta, Marta Manconi, Alberto Bona

Coordinamento volontari e stage:
Silvio Farina, Marta Manconi

Servizi audiovisivi e logistici:
Salvatore Perrotta, Enrico Dessì, Giovanni Cherosu, Uccio Sisto

Sottotitoli:
Enrico Pinna, Laura Cocco

Traduzioni:
Laura Cocco, Emma Bussu, Antonia Cocco

Servizi fotografici:
Marco Dessì

Proiezioni:
Diego Bussu

Ospitalità:
Agata Carta, Giulia Sanna

Rapporti con le giurie:
Carlo Dessì, Angelo Tantaro

Responsabile informatico:
Marco Molinu, Alberto Bona

Redazione catalogo:
Salvatore Taras, Marta Manconi

Allestimenti scenografici:
Pirino Tappezzeria srl, Ditta Antonio Sisto Sassari

Allestimenti tecnici:
Ditta Antonio Sisto, Bencast Sassari

Grafica:
Marco Fiaschi

Grafica catalogo:
Ajoinstampa, Marco Fiaschi

Il logo 2018 del SFF è stato creato da Michela Anedda